Si fa mandare una prostituta in camera, arriva sua figlia

Zimbabwe – Uno dei massimi momenti storici del disagio sociale.

Secondo il giornale nazionale, il sig. Titus Ncube sarebbe svenuto dopo che, avendo chiamato una prostituta nella sua camera d’albergo, gli si è presentata figlia 20enne. Alla vista del padre, la ragazza è fuggita.

Ncube ha dichiarato: “Non dò la colpa alla mia bambina per ciò che faceva. Ritengo fosse la sua maniera per esprimere i suoi sentimenti riguardo ai problemi nella famiglia”. L’uomo avrebbe convocato un terapista per la ragazza e un consulente matrimoniale per aggiustare i rapporti con la moglie. La Sig.ra Ncube dice invece: “L’avrei lasciato anni fa se non fosse per i figli”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: